Menù di navigazione Links COMMUNITY Forum Contattaci Fai una donazione
Donazioni
Vuoi fare una donazione a Insula Arcana?


Cos'è PayPal?
Come faccio a fare una donazione con Paypal?




Borderlands (Terre di confine )

Dagli scritti di Abd al-Hazir:

Dopo il mio incontro con il selvaggio Dune Thresher, si potrebbe pensare che sia naturale che esitassi ad avventurarmi nella devastazione che circonda Caldeum. Coloro che hanno messo piede nel bruciante paesaggio giallo delle Borderlands e visto miglia di sabbia arida con della natura selvaggia sono sicuramente d'accordo con me.

Non sono sempre state così. Negli anni addietro, avrei potuto avventurarmi senza preoccupazione per la mia incolumità. Anche se le Borderlands sono uno dei paesaggi più selvaggi del nostro mondo, non erano comunque un problema, per Caldeum in primis.

Le Borderlands erano originalmente prive di tutto tranne che dei più duri (qualcuno direbbe pazzi) cercatori d'oro fino a che la grande città militare di Lut Bahadur (letteralmente "città del cancello") fu costruita per tenere i "lacuni" nelle loro abitazioni nelle scogliere, al sicuro lontano da Caldeum. La vigilanza solitaria di Lut Bahadur ebbe termine 400 ani fa quando del prezioso minerale fu trovato nella regione conosciuta come Stinging Winds. La città di Alcarnus divenna rapidamente il centro di tutti gli scavi dell'area con diversi altri insediamenti che nascevano nelle vicinanze. Quando l'oasi di Dahlgur fu scoperta e venne eretta una terza città lì, il dominio di Caldeum sulle Borderlands fu completo. Le Borderlands potevano fare affidamento sugli approvvigionamenti di cibo e di acqua dalle carovane di Dahlgur protette dalla potenza delle Dune Guards di Caldeum.

Ma Hakan II, il nostro giovane e inesperto sovrano, decise di ritirare i supporti di Caldeum nelle lande e lasciare quelli che vivono lì a loro stessi. Adesso, nessuna carovana è sicura, e i rifugiati delle Borderlands bussano ai cancelli di Caldeum, in un'onda infinita di uomini sfollati e disperati in cerca di salvezza che un tempo la nostra città forniva. Ho parlato con molte di queste povere persone e i racconti che condividevano farebbero fermare anche il più coraggioso avventuriero. Anche se le loro storie di un culto segreto intento a far nascere un'armata demoniaca sono ovviamente ingigantite a causa della loro poca conoscenza relativa a queste cose, la loro isteria e la sofferenza mi hanno convinto che davvero qualcosa stia perseguitando le Borderlands.

New Tristram ( Nuova Tristram )

Dagli scritti di Abd al-Hazir:

Abbiamo sentito tutti i racconti su Tristram. Menzionare il suo nome porta alla memoria immagini di mostruosità non-morte, possessioni demoniache, monarchia portata a demenza, e, ovviamente, la più grande leggenda di tutte: il Signore del Terrore si scatenò. Anche se molti sostengono che qualcosa nel pane, o un avvelenamento dell'acqua abbia fatto venire le visioni alla popolazione, ho visto troppo nei miei vari viaggi per non credere a certe storie. È su questo contesto, quindi, che devo dire che il mio viaggio a "Nuova Tristram" è stata una delusione. Nuova Tristram esiste già da qualche anno, ma l'esatta data della fondazione è sconosciuta. In origine semplicemente era un accampamento di mercanti in cerca di profitti sugli avventurieri e i viaggiatori giunti fin lì a causa delle leggende sulle ricchezze della cattedrale, lentamente mise radici e diventò una città. Dopo che la cattedrale fu saccheggiata di tutto, gli avventurieri smisero di arrivare e Nuova Tristram si ritrovò in declino. La città è formata ormai soltanto da baracche deprimenti: la locanda è l'unico posto che sembra essere un minimo abitabile. Prima di andarmene da questo triste posto, ho parlato con un vecchio eccentrico che sembrava avere un infinito repertorio di aneddoti di saggezza da impartire. Disse che c'è ancora molto della ricchezza della cattedrale in profondità, sotto forma di antichi tomi di saggezza. Lo dovrò prendere sulla parola, perché devo ammettere che quando ho esplorato i resti bruciati della "vecchia" Tristram, mi mancava la forza d'animo di fare più di qualche passo esitante in quella cattedrale di infame leggenda.

Caldeum

Dagli scritti di Abd al-Hazir:

Una volta Caldeum era la più fiera città del Kehjistan, capitale del commercio del mondo intero. Caldeum non è mai stata vista come il cuore dell'impero, anche se rivaleggiava con Viz-Jun, e più tardi Kurast, per dimensioni, e a quelli che la chiamavano casa piaceva in quel modo. Anche quando le Mage Clan Wars (le Guerre tra clan di maghi) esplosero, le battaglie non hanno mai influito sul commercio di Caldeum, mentre poteva essere rilevante per magia e politica ma il commercio è una cosa seria. Lascia che Kurast si veda come il centro del mondo, avrebbero detto. Ci terremo il nostro libero scambio di beni, monete e idee, grazie mille.

Ma l'orgoglio che c'era una volta in questa grande città, è diventato appannato e opaco. Guardando indietro a tutto ciò, adesso, devo dire che il marciume che sta infettando la nostra città è iniziato quando un discreto numero di nobili di Kurast sono fuggiti dalle loro case e hanno preso residenza a Caldeum. Ho sentito tutte le orribili e terrificanti voci sul perché sono scappati dalla loro gloriosa città, ma le ragioni non ci riguardano. Era la loro abitudine che ci riguardava. Sentendosi al sicuro da ciò che li ha fatti scappare fin qui, il loro stato d'animo è cambiato diventando arrogante. Non avevano problemi a domandare il loro posto che "gli spettava di diritto" nel concilio dei commerci che governava la nostra città, e si erano preparati a usare le loro ricchezze per assoldare mercenari che servivano per perseguire le loro ambizioni.

Inizialmente ero dubbioso quando l'imperatore del Kehjistan decise di affrontare questa situazione che stava degenerando velocemente. Ma il fascino, la leadership, e l'intelligenza esercitati mentre risolveva velocemente il conflitto tra il nostro concilio e i nobili di Kurast , furono niente meno che magistrali. Quando le persone lo supportarono pienamente nel suo ruolo come nostro imperatore, ho visto questo risultato come un miracolo. Anche se abbiamo sempre fatto parte dell'impero di Kehjistan, e quindi sotto il suo comando, ci siamo sempre comportati come un'entità libera, grati a nessuno tranne a noi stessi. Al tempo sembrò davvero che la catastrofe fosse stata scongiurata ma ora è diventato fin troppo evidente che era semplicemente nascosto sotto una sottile patina di civiltà.

Questa patina incominciò a frammentarsi quando l'imperatore Hakan si ammalò. La sua influenza iniziò a declinare, e lo stato d'animo a Caldeum cambiò con la sua salute. Come peggiorava, così faceva la nostra città.

Quando morì e il suo figlio incapace prese il trono, Caldeum iniziò a precipitare nell'abisso. La nostra lista di avversità sembrava infinita: lo stato dei nostri oppressi e le baraccopoli in cui erano obbligati a vivere, la nostra guida incompetente, la ricomparsa degli intolleranti Zakarum, e le loro liti con le nostre classi di maghi... potrei andare avanti all'infinito.

È troppo da sopportare per uno solo, veramente.